Boom di utilizzo delle PEC durante il lockdown. Ecco i motivi.

L'emergenza che abbiamo affrontato nei mesi passati ha prodotto dei cambiamenti profondi nella nostra vita quotidiana. Attività che prima erano date per scontate, ora possono svolgersi soltanto seguendo strettissime regole o - quando possibile - da remoto. Un esempio sono lo smart working o la

didattica a distanza per gli studenti di ogni età. Tuttavia, ci sono alcune procedure che sono ancora fortemente legate all'ambiente fisico: la raccomandata con ricevuta di ritorno è una di queste. Eppure è uno strumento di cui spesso dobbiamo servirci. È sufficiente pensare  in quanti contratti è presente la postilla che per annullare, comunicare o aggiornare parte di esso tramite raccomandata A/R. Per questo, da qualche anno, anche i privati hanno incominciato a sfruttare i vantaggi della Posta Elettronica Certificata (PEC): uno strumento utilizzato già dalle aziende e dai professionisti per le comunicazioni ufficiali, con valore legale pari a quello di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Oggi è l’unico strumento riconosciuto per inviare mail con valore legale in Italia.

 

Posta Elettronica Certificata: cosa la distingue dalla mail

Nell'ordinamento italiano, grazie al  DPR. 68/2005  la Pec inizia a diffondersi come strumento per certificare gli invii di mail e sostituire la raccomandata A/R.  Ma in che modo la PEC si distingue da una normale mail? Innanzitutto, la PEC ha delle caratteristiche aggiuntive: è in grado di dare agli utenti la certezza dell'invio e della consegna (o mancata consegna) della mail. In più, i suoi protocolli di sicurezza garantiscono la riservatezza del contenuto, non rendendo possibile nessun tipo di modifica né al messaggio né agli eventuali allegati. 

Diventa semplice comprendere quindi come mai, con l’emergenza coronavirus  e il conseguente lockdown, la PEC abbia registrato un boom di utilizzo e sottoscrizioni. Se per alcune categorie di lavoratori il suo utilizzo era già obbligatorio, per altre rappresenta una “sicurezza aggiuntiva” e viene utilizzata per comunicazioni che non richiederebbero una raccomandata A/R. 

 

PEC: vantaggi e svantaggi

Quali sono i vantaggi della PEC? Sicuramente il suo valore legale: la ricevuta di consegna ha validità legale, anche quando il messaggio non viene letto dal destinatario, che quindi non può dire di non aver ricevuto il messaggio. Inoltre, i disservizi nei servizi PEC sono quasi pari a zero. Per quanto riguarda il costo del servizio, è minore rispetto alla raccomandata cartacea.

Ci sono anche svantaggi nell'utilizzo della PEC? Sicuramente il suo mancato riconoscimento a livello internazionale e la possibilità, purtroppo non remota, di imbattersi in minacce come spyware e malaware se non ci si protegge con adeguati software.

 

Ultima modifica il Venerdì, 12 Giugno 2020 10:38
Share

About Us

Pec Organizer è il programma per gestire la posta elettronica certificata. E' rivolto a tutte le aziende che devono gestire, condividere e archiviare più caselle PEC tra più utenti in un ambiente sicuro e controllato. E’ stato sviluppato per rispondere all’esigenza di aziende, enti municipalizzate e PA.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

. Per saperne di piu'

Approvo

Euroged Srl

Sede Torino: via Albenga, 59
10098 Rivoli (TO)
Sede Milano: Via Daniele Manin, 2 
20871 Vimercate (MB)
Tel.: +39 011.95.75.060
Fax: +39 011.95.57.299
C.F. P.IVA 08085660010
Socio unico
100.000 € interamente versato
Società iscritta al Registro delle imprese di Torino al n. 08085660010
TORINO > MILANO