Come gestire il passaggio da un fornitore PEC ad un altro?

cancellazione pec cancellazione pec

Ad integrazione del post con le differenze tra Pec Organizer ed i web mail, analizziamo un’ulteriore criticità per la gestione dei messaggi PEC.
E’ utile porsi la domanda: cosa succede ai miei messaggi nel caso cambiassi fornitore e provider PEC?

Questo cambiamento può risultare molto dannoso per l’Impresa, in quanto sorgono alcune problematiche:

- Salvataggio e recupero dei vecchi messaggi: è molto gravoso nella fase di passaggio dal vecchio provider al nuovo il rischio di perdere messaggi, notifiche e allegati. Un azienda non può permettersi di perdere documenti ufficiali.
- Cambio pannello di controllo e strumenti di gestione(nel caso del web mail): è molto faticoso dover modificare le abitudini di lavoro degli utenti, e si sa che è una delle problematiche più percepite dagli utilizzatori finali.
- Nessuna integrazione e correlazione tra i vecchi messaggi ed i nuovi: la gestione del workflow e delle attività legate ai singoli messaggi anche a distanza di anni è delicata e non si può correre il rischio di perdere messaggi e notifiche.
- Cambio di impostazioni e parametri sui server e su ogni client di posta: la gestione centralizzata della posta consente di facilitare le modifiche dei parametri e delle impostazioni.


Il cambiamento di fornitore è sempre una variabile da prendere in considerazione nella scelta della piattaforma di gestione PEC da utilizzare. Gli imprevisti sono molti:
- può essere modificato il servizio
- può cessare il servizio
- possono variare le condizioni economiche in modo da non essere più sostenibili
- possono subentrare problemi tecnici e rendere momentaneamente indisponibili l’accesso agli strumenti di gestione

Un esempio calzante che ha portato difficoltà tra gli utilizzatori e gli amministratori di sistema è stato il cambio di fornitore Consip per la fornitura a tutte le PA delle caselle di posta certificata. A maggio 2013 Telecom Italia si è aggiudicata il bando di gara per la fornitura di 400.00 caselle PEC. Gli utenti in questione hanno dovuto cambiare provider passando dal vecchio fornitore Infocert al nuovo, cambio molto dispendioso in termini di ore di lavoro e di gestione da parte di responsabili della sicurezza. 

La soluzione, come abbiamo visto nel post precedente, è quella di dotarsi di uno strumento aziendale come Pec Organizer che scavalca e aggira le problematiche del webmail e consente la gestione sicura dei massaggi PEC. Prevenire è meglio che curare e l’adozione di strumenti adeguati per gestire le PEC porta alla conservazione sicura dei documenti ufficiali e alla limitazione di perdite e cancellazioni.

Ultima modifica il Mercoledì, 29 Luglio 2015 11:54
Share

About Us

Pec Organizer è il programma per gestire la posta elettronica certificata. E' rivolto a tutte le aziende che devono gestire, condividere e archiviare più caselle PEC tra più utenti in un ambiente sicuro e controllato. E’ stato sviluppato per rispondere all’esigenza di aziende, enti municipalizzate e PA.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

. Per saperne di piu'

Approvo

Euroged Srl


Sede Torino: via Albenga, 59
10098 Rivoli (TO)
Sede Milano: Via Daniele Manin, 2 
20871 Vimercate (MB)
Tel.: +39 011.95.75.060
Fax: +39 011.95.57.299
C.F. P.IVA 08085660010
Socio unico
100.000 € interamente versato
Società iscritta al Registro delle imprese di Torino al n. 08085660010
TORINO > MILANO